Tuesday, October 4, 2011

Bloghete bloghete

Personaggi: 
Marescialla G. Buzz, critica d'arte militante
Tenente Al Pina, critica d'arte militante delle Dolomiti 

G - Aberrazioüni! Degenerazioüni!

T - Quando eravamo giovani noi... queste cose non succedevano! A che servono tutti 'sti blog – tutti 'sti forum d'arte? 

G - Un bla-bla-bla senza capo né coda...

T - Cacchiate 

G - Forum fatui fumosi come fumoir affumicati - blog che ribollono bloghete bloghete di Campbell's Soup andata a male

T - E poi mi domando...cotesti sedicenti blogghisti sono artisti? Gli artisti non devono parlare.... 

G - ...perder tempo a consumare tastiere di computer e penne Bic. Meno fiatano meglio è! Zitti-muci-tasi-shhh! No muci no party...

T - ...e se non parti 'ndo vai?

G - Bleah! Uno in particolare mi fa venire il voltastomaco. Quel bipede blogghista di Tranqui2! Come si chiama? 

T – D.S.Kos... un artista spiaggiato. 

G - K crede d fare? Vuole rompere gli ovociti del geco-sistema contemporaneo?

T - Allosanfan...chiudiamogli la bocca!

G - ...e goodbye Charlie

(T commenta con 1 scoresa di giubilo)

G - (tappandosi il naso, voce nasale) Vabbé, cambiamo discorso...Tenente Al Pina, è andata dal sarto?

T - Yez Marescialla G Buzz

G - Che le ha detto?

T - Le divise d'ordinanza sono quasi pronte. Vanno solamente un po' sfiancate e accorciate sulle maniche.

G – Ottimo, Devono essere pronte per la mia conferenza di lunedì 

T - Ghnmrh

G - Che c'è?

T - Ghgnrrrr

G - ???

T - Marescialla, è sicura sia davvero il caso di indossarle?

G - Lei dubita che...

T - Mi scusi G Buzz, ma con l'aria che tira... 

G - Tenente, lei conosce le regole della caserma-museo!

T - Sì! (Batte i tacchi-zeppe sull'attenti) Però... Secondo me... meglio parcheggiarle in armadio, affogate tra la naftalina e le palline Zigulì. Aspettiamo che passi questo venticello di contestazione, i blog sbolliranno, i forum sfumeranno. Restiamo quatte quatte ad aspettare che tornino gli anni Novanta. Intanto travestiamoci casual. Jeans, "siglo de oro D&G", stile under18, springo come uno smile. Non diamo troppo nell'occhio...

G - Beh, in effetti, la divisa...con tutta la cellulitaggine ke sto mettendo su...mi tocca andare dal sarto ogni sei mesi a spostare i bottoni che saltan via. 

T - Ha provato con l'implantologia in titanio? 

G - Merci del consiglio, Madame Tenente!

T - Alla nostra età ormai si sta su a colpi di bisturi e Gerovital

G - (annuisce)...e qualche bicchierino di Marsala. Orlan docet... 

T – ...e Chiara B-Lola insegna. Ho sentito dire che fa le mostre con la badante di sostegno. D'altra parte critica d'arte vecchia fa buon brodo.

G - ...già, mentre Dorfles Gillo mostra ancora il pippi nelle riviste... 

T – Errore!  E' l'Achille Bonito Oliva a posare col pippi di fuori. Ma son cose da Anni Ottanta! Secoli fa! Quello ormai è un pippi archeologico! 

G -  Italian graffiti. 

T - Ce l'ha mostrato già 2.0 times, almeno quanto quello di Tu-tanga-men, lo spogliarellista egiziano marito della ballerina Anny Tettanta. Li ho incontrati al karaoke. Cantavano Vent'anni+vent'anni+vent'anni+vent'anni (by Massimo-Ranieri)

G –  By Luca Massimo, intende

T - Sa che le dico? L'età non conta. L'importante è che tutto funzioni nella cabina di comando. Qui (si tocca la testa)

G - Magra consolazioüne...

T - Eh, non c'era da andare tanto dal sarto, quando eravamo giovani noi...

Saturday, October 1, 2011

L’amico ******

Sorelle, voi sapete, voi capite.
L’amico ****** è entrato in casa
graffia i muri, ruggisce,
cortesemente chiede attenzione.

Sorelle, il fango di barena imbratta
gli strascichi, rallenta la processione,
qui dove diresti che la laguna sia immobile.
Non t'accorgi che scorre lentissima.
E a volte cadiamo, a volte
ridiamo, a testa bassa.
Raccogliamo sull’acqua pagine
inzuppate, sputate, riscritte
copiate ricopiate
scarabocchiate, da chi?

Sorelle, le collane di croci tintinnano
al palpitare dei seni, le mani fremono
nascoste nel nero velluto.
Non nascondete il pallore della pelle
lasciate che vi vedano quando, la sera,
cercate tra i cimiteri 
sentieri che portano al mattino.

Siete operose, siete vigili compagne.
Candelieri e ceri, armadi con trine e grembiuli,
la credenza ha vino per l’ospite atteso.

Sorelle, voi sapete, voi capite
il superfluo l’amico ****** conterrà
ciò che manca l’amico ****** abbraccerà
l’inespresso l’amico ****** libererà.